Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by on 12 Mag 2016 in visibilità

E la SEO, come sta?

E la SEO, come sta?

So che siete preoccupati. Si sono sentite in giro brutte voci sulla SEO, qualcuno ha detto cose irripetibili tipo che è mor.. No scusate non riesco proprio a dirlo. Anche perché sta benissimo, semplicemente con il passare degli anni è diventata molto più esigente, evoluta e soprattutto d’esperienza!

E manda a dire un paio di cose.

Primi nei motori di ricerca? Non sempre è possibile

Anche con la migliore SEO (Search Engine Optimization) non sempre è possibile arrivare ai primi posti della SERP (Search Engine Results Page – pagina dei risultati del motore di ricerca).

La speranza di un buon posizionamento dipende dalla quantità e dalla qualità dei concorrenti.
Per qualità dei concorrenti qui intendo il loro posizionamento già conquistato nella SERP grazie a contenuti, ottimizzazione, tempo trascorso dalla pubblicazione, traffico di visitatori, ecc.

Un esempio pratico

Se vendi scarpe non ti posizionerai magicamente ai primi posti del motore di ricerca solo grazie a interventi SEO.

Questo non significa che la SEO non serve più e che l’unica via per la visibilità è pagare la sponsorizzazione degli annunci. Significa che la SEO oggi più che in passato richiede strategia e creatività.

Continuando a parlar di scarpe, non sarai mai – almeno nel breve periodo – primo per la chiave di ricerca ‘scarpe da uomo eleganti‘. Dovresti scalzare colossi come Zalando, Pittarello, Clarks e Hugo Boss.

Sicuramente sarebbe molto più facile posizionarsi in alto se offrissi un prodotto nuovo che vendi solo tu come scarpe per camminare sull’acqua, ma prima dovresti inventarle.

Forse potresti avere qualche chance se vendessi scarpe da tip tap da uomo bianche e nere.

Proviamo a cercare in Google scarpe da tip tap uomo bianche e nere.

Come si vede dall’immagine anche per un prodotto di nicchia come questo la SERP è ricca di contendenti.

SEO creativa

La soluzione è pensare a chiavi di ricerca concetti originali e allo stesso tempo potenzialmente presenti nell’immaginario delle persone.
Non è facile ma nemmeno impossibile. Ci vuole creatività e capacità investigativa per scoprire prima dei concorrenti che cosa stanno cercando i potenziali clienti.

Primi nei motori di ricerca? A volte non basta

Arrivare ai primi posti dei motori di ricerca non basta per portare visitatori al nostro sito.

Guardando ancora una volta l’immagine della SERP per ‘scarpe da tip tap uomo bianche e nere’ si vede che:

  • Google Shopping (area sponsorizzata in alto) attira buona parte dell’attenzione
  • anche la sezione dedicata alle ricerca per immagini (spesso trascurata per mancanza di ‘alt’, ovvero della descrizione) è molto evidente

Ma soprattutto salta all’occhio che:

  • i titoli e le descrizioni, che altro non sono che i meta tag utilizzati per la SEO, sono più importanti del semplice ordine di apparizione

Search Engine Optimization evolve in Search Experience Optimization

Significa che ottimizzare per le prime posizioni nei motori di ricerca non basta più, per fare la differenza all’interno della SERP dobbiamo migliorare anche l’esperienza dell’utente.

Abbiamo preso ad esempio il mercato molto affollato delle scarpe. Non sempre è così difficile immaginarsi un nuovo concetto e ritagliarsi uno spazio.

L’importante è non credere a promesse generiche di posizionamento ai primi posti dei motori di ricerca.

Siamo disponibili per una consulenza gratuita sulle reali possibilità del tuo sito di arrivare in alto. Contattaci!

A proposito, la SEO vi abbraccia 😉

Share This