Pages Menu
TwitterFacebook
Categories Menu

Posted by on 24 Lug 2012 in visibilità

Dell’invisibilità dei siti web

Dell’invisibilità dei siti web

Che cosa potete ragionevolmente chiedere al vostro sito in termini di visibilità nei motori di ricerca?

siti invisibili

Sarebbe bello a volte essere l’uomo invisibile … ma un sito web che non si trova non serve a nulla!

Un amico mi ha chiesto di dare un’occhiata ai due siti della sua azienda, con particolare attenzione alla verifica della loro visibilità nei motori di ricerca.
Conoscevo il nome dell’azienda e quello del sito tematico dedicato a uno dei prodotti di punta.
Vi racconto come è andata.

La verifica della visibilità

Cerco in Google il prodotto dell’azienda e la relativa città: niente.
Cerco il nome del titolare: niente.
Cerco il nome esatto dell’azienda e finalmente trovo il sito.

Un po’ scarsa come visibilità, non trovate? Ma può andare anche peggio…
E infatti va peggio quando passo al sito tematico.

Cerco il nome del prodotto: niente.
Cerco il nome del titolare: niente.
Abbino prodotto e azienda: niente.
Cerco il sito tematico nel sito dell’azienda: nessun riferimento.
Infine cerco in google il nome del sito con tanto di www e di .com e il sito invisibile finalmente appare!

Le caratteristiche del sito invisibile

Si tratta di un sito graficamente curato ma realizzato in Flash e con un meta tag title assolutamente inutile (www.nomesito.com).
Come se non bastasse non c’è un link che colleghi il sito tematico nemmeno nel sito istituzionale dell’azienda.
E anche il sito dell’azienda, realizzato sempre in Flash dallo stesso web designer, pur essendo molto curato graficamente con tanto di musica di sottofondo, ha un meta tag title quasi inutile per la visibilità (solo il nome dell’azienda).

Web designer? Sì avete capito bene, il sito non è stato fatto in casa ma è opera di un web designer che si fa pagare annualmente un canone di manutenzione.

Richieste impossibili

Spesso ci vengono chieste cose impossibili riguardo alla visibilità dei siti nei motori di ricerca, ad esempio:

  1. trovare un sito pubblicato ieri o l’altro ieri (il motore di ricerca può richiedere qualche settimana per indicizzarlo);
  2. posizionare ai primi posti un sito nuovo in un settore particolarmente affollato, come ad es. quello degli hotel in una grande città (ad es. hotel a Roma);
  3. posizionare ai primi posti tra i risultati di una ricerca generica un sito di un’azienda con un nome particolarmente diffuso (ad es. hotel Posta senza specificarne la località);
  4. posizionare ai primi posti un sito cercando parole che non fanno parte dei contenuti del sito.

Richieste ragionevoli

  1. il sito deve apparire ai primi posti digitando il nome dell’azienda, eventualmente accompagnato dalla città se il nome è molto diffuso;
  2. il sito deve apparire ai primi posti cercando il prodotto principale se il prodotto è di nicchia e c’è poca concorrenza;
  3. il sito deve apparire ai primi posti cercando il prodotto principale accompagnato dalla città (salvo casi di mercato molto affollato come si diceva sopra al punto 2).

Per maggiori informazioni: Primi nei motori di ricerca: Search Engine Optimization (SEO) di Mirodata.

Share This